Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 14 Novembre, 2018

I sonetti romani

14 Novembre 2018

Cambià d’umore

Cambià d’umore

***

Come se fa a mutà l’umore spesso,

più de le idee de innovatori odierni,

come fai te,  che la tua faccia arterni

e nun se riesce mai a statte appresso.

***

Pe forza, quanno tutto lo squadrerni:

si ridi e scherzi, pure de te stesso,

in der seconno dopo tutto è un cesso

e te ‘ncupisci più che in freddi inverni.

***

Nun ciài un annamento equilibbrato,

così nun se sa mai come piàtte,

da quale verzo, questo o l’artro lato.

***

Sei alegro, triste, alegro, triste ancora,

ché le perzone le fai sortì matte,

cambi d’umore cento vorte l’ora.

***

Stefano Agostino

_______________________

***