Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre, 2021

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Dicembre 2021

La Viggija der Santo Natale

La Viggija der Santo Natale

***

È la Viggija der Santo Natale,

è un córi-córi che te batte in testa:

chi va de qua e chi là e chi s’appresta

a fà er cenone, coco o commenzale.

 ***

È sera, è tutto pronto, e ormai nun resta

che rènne ’gni famija più normale,

’na tavola ’mbandita de speciale

e un arbero ch’è acceso a dì ch’è festa.

 ***

È mezzanotte, bacia quer Bambino,

poi mettilo, tra er bue e l’asinello,

dì ’na preghiera e faje poi un inchino.

 ***

Che ’sto Natale, sotto a l’arberello,

lo possa passà pure ’gni vicino,

che nun cià mai un ber giorno come quello.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

23 Dicembre 2021

Celebbrà er Natale

Celebbrà er Natale

***

Me devi fà capì qual è er motivo,

pe cui te mancherebbe de rispetto,

si vojo celebbrà come un pupetto,

Natale quanno viè o è in arivo.

***

Dov’è che fà un presepio benedetto

o un arbero che sluccica de vivo

o a scòla fà ‘na recita è lesivo,

de Buddha, de Confucio o Maometto?

***

La libbertà, simmai, sta propio in questo:

ner professà cor credo, riti e usanze,

ciascuno ner suo modo e cor suo testo.

***

Ma si a Natale ciài solo lagnanze,

e dichi a chi festeggia ch’è molesto,

perché nun ce arinunci a le vacanze?

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2021-22

22 Dicembre 2021

Roma – Sampdoria

Roma – Sampdoria: 1-1

***

E s’è sfruttata male l’occasione,

de rosicchià du’ punti in graduatoria,

pareggio ch’è lontano da la gloria,

de l’urtima vittoria da ovazzione.

***

Peccato che se manna qui a memoria

er go’ der sor uzbeco pennellone,

Shomurodov fa er primo de staggione,

ma poi ‘sto pari cambia lì la storia.

***

Se chiude l’anno sesti e già è quarcosa,

ma si artre vorte assai t’ha detto male,

oggi però più spine che ‘na rosa.

***

E propio pe la rosa, viè normale,

penzà a un anno novo più corposa,

speramo … ner frattempo BON NATALE.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La statuetta der presepe

La statuetta der presepe

***

Me sento come un pezzo der presepe,

nun dico certamente er principale,

nemmanco uno in grotta, naturale,

né l’angelo, ché ciò fin troppe crepe.

 ***

Me paro quello in fonno, laterale,

che spunta poco prima da la siepe,

veste de lana grezza, cacio e pepe,

che accore pe vedé cos’è Natale.

***

E cià ’na faccia piena de stupore,

che pare dì quanto lo meravija,

quer “Bimbo” ch’è già nato Sarvatore.

 ***

E poi m’accorgo, un battito de cija,

che innanzi a Dio, quer timido pastore,

so’ propio io, nun solo la Viggija.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

20 Dicembre 2021

Inverno

Inverno

***

C’è pure chi lo chiama “Generale”,

p’er fatto ch’è er più riggido e de fero,

le notti lunghe, buie e sotto zero,

comincia in bianco, giusto pe Natale.

***

Quanno che annotta e er celo se fa nero,

ch’er vento fischia e sibbila glaciale,

voresti annà ne l’emisfero australe,

in quarche posto esotico, stragnero.

***

L’arbero acceso, fine dicembrino,

se porta avanti fino ar sei Gennaio,

più p’er commercio, sì, che p’er Bambino.

***

Ariva mascherato er sor Febbraio,

prima de chiude er conto cor piumino,

Marzo apre l’ombrello eppoi la sdraio.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Preghiera de Natale

Preghiera de Natale

***

Signore mio, ascorta ‘sta richiesta,

er tempo è quello giusto der Natale,

fa’ quarche cosa Tu pe chi sta male,

contro ‘sta crisi e chi nun pò fà festa.

***

Qualunque cosa, purché sia speciale,

e che je dia un soriso che poi resta,

ar dunque la preghiera che ciò in testa,

è faje avé ‘na vita più normale.

***

Penzace Tu, Signore, a scallà er còre

de chi ce l’ha ridotto a un ghiacciolo,

sciojennojelo senza fà rumore.

***

E fa’ sentì ‘gni omo meno solo,

rigalaje un’anticchia der Tuo Amore…

me pare hai detto: “Sì”. Me riconzolo.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

19 Dicembre 2021

Dar Vangelo der giorno: “la Visitazzione de Maria”

Dar Vangelo der giorno: “la Visitazzione de Maria” 

 ***

Dopo quer fatto de l’Annunciazzione,

Maria s’arzo e de tigna, in tutta fretta,

annò da la cuggina Elisabbetta,

pe visitalla in de la gestazzione.

***

Quanno arivò la salutò perfetta

e appena salutata … “Che emozzione”

– je fece la cuggina – “e che scossone,

m’ha dato er pupo  …  Tu sia benedetta …

***

… tra donne e che sia benedetto er frutto,

der Tuo grembo, perché Tu hai creduto

a la Parola, a Dio e ar Suo Costrutto”.

***

No come Zaccaria che era muto,

ché nun credette a l’Angelo, ber putto,

sur fìo Giovanni che ciavrebbe avuto.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***